affitti casa vacanza lampedusa

 

Offerte speciali Lampedusa vacanze 2010

Prenota subito la tua vacanza a Lampedusa!

Fotografia Isola dei conigli (acqua limpida)

L'isola più a sud d'Europa, posta sul 35° parallelo, Lampedusa, insieme a Linosa e Lampione, forma l'arcipelago delle Pelagie (dal greco Pelàghia, "isole d'alto mare"), distanti tra i 160 e i 215 km dalla costa siciliana e appena 120 km dalla Tunisia.

Il clima sempre mite e il mare limpidissimo, pieno di vita e di un turchese meraviglioso. Lunga quasi 12km ed ha uno sviluppo costiero di circa 30km e larga poco più di 3 (è la più grande delle Pelagie), Lampedusa è un'isola calcarea
ed ha la forma di una zattera quasi piatta, che raggiunge l'altezza massima sul mare di 133 metri scolpita da coste che delineano la sua forma particolare. Il profilo costiero è quanto mai vario: a nord ed a ovest imponenti falesie, modellate dalle onde e dalle azioni erosive dei venti,scendono a precipizio o con ripide scarpate, a sud ed a est invece la costa è bassa, dove possiamo ammirare le stupende cale tra cui Cala Guitgia, Cala Croce, Cala Madonna e l'Isola dei Conigli.
Il centro di Lampedusa si è sviluppato attorno alla grande insenatura a sud-est dell'isola, dove si trova anche il porto.


Acqua cristallina dell'isola di Lampedusa
Tramonto sul mare di Lampedusa
Natura incontaminata dell'isola di Lampedusa

La natura dell'isola : tartarughe caretta caretta

Più vicine al continente africano che a quello europeo (Lampedusa dista dalla costa tunisina appena 61 miglia e circa il doppio da quella siciliana), le Pelagie sono state sfiorate dal mito e dalla storia senza subire sconvolgimenti. Escludendo Lampione, troppo piccola per avere una pagina di storia, Lampedusa e Linosa sono state luogo di sosta per Fenici, Greci, Romani e Arabi che hanno comunque lasciato tracce ben evidenti del loro passaggio. I Romani sfruttarono Lampedusa per impiantarvi uno stabilimento per la lavorazione del pesce e per la produzione del garum, una salsa di pesce molto diffusa in età imperiale. Gli Arabi furono coloro che lasciarono più impronte su queste terre perché, dediti com'erano alla pirateria, le utilizzarono come approdo anche molto tempo dopo la loro cacciata ufficiale dalla Sicilia.

Successivamente, per un lungo periodo, le Isole rimasero in tranquilla attesa di nuovi abitanti. Nel 1630 Giulio Tornasi, avo dell'autore del Gattopardo, fu insignito da Carlo II di Spagna del titolo di principe di Lampedusa e Linosa. Un secolo dopo, la famiglia Tornasi chiese ai Borbone un congruo finanziamento per poter condurre sulle Isole le opere necessarie al ripopolamento.

Nell'800 i Tornasi cedettero le Pelagie a Ferdinando II di Borbone. Costui non fece un acquisto avventato e riuscì, forse fascino della coro na, a insediarvi circa 150 anime dislocate tra Lampedusa e Linosa. Nel 1860 gli isolani si ritrovarono sudditi del tanto agognato Regno d'Italia, anche se la notevole distanza delle Isole non favorì subito interventi volti a promuoverne lo sviluppo economico e sociale. Nel 1872 vi fu impiantata una colonia penale, poi soppressa nel secolo successivo. Nella seconda metà del '900, a parte l'attenzione missilistica del colonnello Gheddafì per Lampedusa (ma l'episodio risale ormai al lontano 1986), le Pelagie sono state completamente rivalutate, grazie alla bellezza del mare ed alla loro selvaggia ed affascinante natura.


 

 

 

(Residence) (Appartamenti) (Servizi) (Lampedusa) (Come arrivare) (Listino Prezzi) (Vacanza Risparmio)
(Last Minute) (Galleria fotografica: panorami di Lampedusa) (Contattateci) (Prenotazioni) (English)

 

Lampedusa Vacanza: Tel. e Fax 0922-971.307 Cell.: 335-56.28.749
Email:
info@lampedusa-vacanza.it copyright 2007
(Servizi di Posizionamento) (Campagne Email Marketing) (Advertising Web Marketing) (Partners Feed)